Top 5 Luoghi in Italia per gli Escursionisti

luoghi per escursionisti in italia

Con questo articolo, ITALY Magazine inizia una nuova serie chiamata “Walking Italy”. La serie si concentra sui posti in Italia, esplorati a piedi, dalle splendide piste di montagna ai sentieri per le campagne alle città e ai quartieri pedonali.

Camminare consente di rallentare e assaporare le cose, cosa che tutti possiamo beneficiare, per non parlare del fatto che è rispettoso dell’ambiente. Così, andate a camminare!

Poiché l’obiettivo di una visita in Italia è spesso città d’arte e campagna affascinante, forse non molti visitatori sono consapevoli del fatto che il paese presenta anche bellissime montagne che offrono molte opportunità agli amanti del trekking.

L’editor di contributo, Silvia Donati, un’escursione appassionata, seleziona cinque dei punti migliori per liberare la tua febbre da escursione.

Dolomiti Alta Vita

Nulla batte le Dolomiti quando si tratta di escursioni in Italia. Questa catena montuosa nelle Alpi settentrionali comprende 18 picchi che sorgono al di sopra di 3.000 metri.

Un patrimonio mondiale dell’UNESCO, che lo descrive come “alcuni dei più bei paesaggi montani ovunque, con pareti verticali, pittoresche scogliere e un’elevata densità di valli strette, profonde e lunghe”, offre opportunità escursionistiche per tutti.

Passeggiate giornaliere per tutta la famiglia su terreno pianeggiante per trekking multi-giorno più impegnativi con cambiamenti significativi di elevazione per gli escursionisti esperti. Tra i sentieri escursionistici più famosi e ambiti delle Dolomiti è l’Alta Via 1 (High Route 1), un percorso di 150 km di alto livello che attraversa alcuni dei più bei paesaggi delle Dolomiti orientali. Il sentiero corre a sud da Braies Lake (Pragser Wildsee) a Belluno.

Si può prevedere di percorrere una media di sette ore al giorno completando il percorso in 10-15 giorni. L’Alta Via deve essere percorsa tra la fine di giugno e settembre, quando il percorso è normalmente privo di neve.

Ci sono rifugi lungo il percorso per dormire in camera (il campeggio è vietato). Potete trovare una serie di altri percorsi di alto livello nelle Dolomiti, tra cui l’Alta Via 2.

Dolomiti Via Ferrata, Trentino

Via Ferrata, TrentinoIl vicini meridionali dell’Alto Adige, che insieme formano la regione del Trentino-Alto Adige, il Trentino è una zona montuosa che comprende parte delle Dolomiti.

La Marmolada, la montagna più alta delle Dolomiti, il Gruppo Brenta, il gruppo Sella (un famoso tour a mezza giornata è il Sass Pordoi a Piz Boé, il picco più alto della catena montuosa di Sella a 3.152 metri, attraversando paesaggi di luna) E il Pale di San Martino sono alcune delle catene montuose più famose che offrono grandi opportunità escursionistiche.

Il Gruppo Brenta, talvolta chiamato Dolomiti occidentali, all’interno del parco di Adamello Brenta, comprende otto cime superiori ai 3.000 metri e caratterizzano vari percorsi via ferrata, il più famoso della Via delle Bocchette.

La via ferrata, tradotta in “percorso del ferro”, è fondamentalmente un percorso di accesso a una cima di montagna, di solito su pendii rocciosi, muniti di cavi, catene, pegs e altri ancoraggi fissi come le scale, i passaggi e le funi che facilitano il passaggio escursionisti.

Molti di loro sono accessibili agli escursionisti meno esperti, anche se richiedono buone condizioni fisiche, senza paura di altezze e molta concentrazione. Molti via ferrata sono stati costruiti durante la prima guerra mondiale per aiutare il movimento delle truppe.

Monte Bianco E Monte Rosa, Valle D’Aosta

La Valle d’Aosta, situata nelle Alpi occidentali dell’Italia nord-occidentale, confina con la Francia e la Svizzera, è famosa per le sue montagne, con cime ripide, tra cui Monte Bianco, Monte Cervino, Monte Rosa e Gran Paradiso.

Il Monte Bianco (Montagna Bianca) è la montagna più alta delle Alpi, che sale a 4.810 metri. Il Tour du Mont Blanc o TMB è considerato uno dei classici passeggiate a lungo raggio in Europa.

Circonda il massiccio del Monte Bianco che copre una distanza di circa 170 chilometri, con 10 chilometri di salita / discesa e passa attraverso parti della Svizzera, dell’Italia e della Francia.

Di solito cammina in senso antiorario in 11 giorni, a partire da Courmayeur se inizia dal lato italiano. Se si desidera spostare un po ‘più velocemente che a passo passo, si poteva sempre partecipare all’ultra-traat du Mont Blanc, che i primi corridori completano in 20 ore (!).

Il massiccio del Monte Rosa è la seconda montagna più alta delle Alpi, con cime che raggiungono più di 4500 metri. Il Monte Rosa Tour è un sentiero escursionistico circolare intorno a Monte Rosa composto da nove zampe con partenza e arrivo a Zermatt (lato svizzero).

Attraversando parte dei sentieri una volta percorsi dalle natali Walser che si muovono da una valle all’altra. Il nome della montagna, che significa “rosa”, non ha niente a che fare con il colore, bensì deriva dalla rouése franco-provenzale Aostan, che significa “ghiacciaio”.

Valtellina – Lombardia

Valtellina - LombardiaSpesso in ombra del confine Trentino-Alto Adige e delle sue famose Dolomiti, Valtellina, una vasta area che si estende per 200 chilometri nel nord della Lombardia, proprio nel mezzo delle Alpi, è assolutamente bello.

Il parco e le riserve naturali costituiscono più di un terzo della zona di Valtellina, rendendolo un paradiso per gli escursionisti, che possono trovare numerosi sentieri nel Parco Nazionale dello Stelvio, il più grande d’Italia, che copre anche una parte del Trentino Alto Adige.

Orobie Valtellinesi Park, con picchi tra 2.000 e 3.000 metri. Tra i sentieri escursionistici famosi ci sono l’Alta Via della Valmalenco, un percorso di 130 km dominato dalle vette di Pizzo Scalino e Pizzo Bernina; La Gran via Delle Orobie, 130 chilometri che attraversano il Parco Orobie Valtellinesi ad un’altezza media di 1.800 metri.

Il Sentiero della Pace nella Valtellina superiore, che attraversa i campi di battaglia della prima guerra mondiale; E la Via Alpina in Valtellina, percorso alpino che attraversa otto paesi della catena alpina: la sezione Valtellina va dal Passo Stelvio di 2.757 metri, il secondo più alto delle Alpi, fino alla Valchiavenna.

Appennino Tosco Emiliano

L’Appennino Tosco-Emiliano, situato al confine tra l’Emilia Romagna e la Toscana, le regioni limitrofe separate da foreste, comprende l’area montuosa tra i passaggi di Cisa e Forbici ed è dominata dalle vette dell’Alpe di Succiso, del Monte Prado e del Monte Cusna ( Oltre 2.000 metri), laghi e prati ad alta montagna.

È famoso sia per i suoi splendidi paesaggi naturali sia per i prodotti locali e artigianali di alta qualità. La sagoma inconfondibile di Pietra di Bismantova, citata da Dante nella Divina Commedia, domina il paesaggio con le sue pareti verticali.

È possibile seguire i sentieri delle montagne per chilometri sui sentieri antichi dei mercanti, dei pellegrini, dei banditi e dei pastori per secoli. Il Monte Cimone è la montagna più alta dell’Appennino settentrionale, con un’altitudine di 2.165 metri.

La cima del Monte Cimone è il punto geografico da cui si può ammirare la più ampia area dell’Italia: quando la visibilità è buona, infatti, si possono ammirare le Alpi, il Mar Adriatico, il Monte Amiata, l’Argentario, il Mar Tirreno, l’isola Dell’Elba, della Corsica e dell’isola di Capraia. Non male, giusto?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *